Archivio - Categoria ‘celebrando’

  • ALTIPIANI ANDINI PARTE PRIMA: ARGENTINA

    Lug 8, 16 • Shanti • Argentina, celebrando, culturando, esplorandoNo CommentsRead More »

      Il periodo migliore per visitare la zona degli altipiani andini di Argentina, Bolivia e Cile è sicuramente l’inverno australe. Non c’è possibilità di trovare piogge, i cieli sono limpidi e l’aria pulita…l’unico tasto dolente è il freddo che, a 4000 metri di altitudine si fa sentire. Non preoccupatevi, le basse temperature però verranno ripagate appieno dalla bellezza degli scenari, a dir poco unici. Il mio ultimo viaggio alla scoperta degli altipiani dell’America Latina parte dall’Argentina (qui la zona degli altipiani si chiama Puna), nella zona che fa parte del NOA (Nord Oeste). Di gran lunga meno nota della Patagonia, anche il Nord Ovest è in grado di offrire moltissimi spunti di interesse: qui non solo l’aspetto naturalistico ha il suo perché, ma anche quello culturale ed etnografico non è da meno. Prima di tutto da non perdere la visita alla “linda” Salta, cittadina coloniale con la sua bella piazza, il convento di San Bernardo e il MAAM (Museo Archeologico di Alta Montagna), dove sono presenti le mummie di tre bambini Inca conservatesi nel ghiaccio dal XV sec.  Lasciata Salta si inizia a salire verso nord per raggiungere la provincia di Jujuy: scenari spettacolari che ricordano il far west, con cactus (qui chiamati cardones), terra rossa e canyon. Bellissimi sono il Cerro de Siete Colores, nella Quebrada di Purmamarca oppure il Cerro dell’Hornocal, nella Quebrada di Humahuaca: montagne che sembrano letteralmente dipinte!

  • GERUSALEMME E L’ESTATE SOTTO GLI OMBRELLI

    Mag 25, 16 • PolePole • celebrando, culturando, Israele, Medio Oriente, oziandoNo CommentsRead More »

    Tutti con il naso all’insù se vi ritrovate a passeggiare tra le vie di Gerusalemme ! Ebbene si, anche quest’anno, dopo il successo del 2015, da giugno a ottobre 1000 ombrelli di tutti i colori fluttueranno sospesi nell’aria nella zona pedonale della città. Questa istallazione, oltre a regalare vivacità alla città Santa, fa da scenografia alle numerosissime performance di artisti di strada e alle esibizioni musicali, che in questo periodo accompagnano i visitatori. Quindi perché non fare una passeggiata nella via più chic (Salomon Street) della città o quella dello shopping (Mamilla Street) ammirando questi ombrelli? Se siete stanchi di camminare effettuate una sosta in uno dei tanti locali sorseggiando una fresca “limonana”, tipica bevanda a base di limone e foglie di menta. E non dimenticate che Gerusalemme sarà teatro di numerosi festival, tra cui quello dell’opera a giugno, quello del cinema a luglio e quello del vino ad agosto. Una città ricca di eventi, per tutti i gusti! Un suggerimento per il pernottamento? Il Mamilla Hotel, elegante struttura situata a 10 minuti dalla porta di Jaffa. La sua peculiarità? La splendida terrazza panoramica da cui poter ammirare la città vecchia,gustando un’ottima cena nel suo Rooftop restaurant. Sia che piova o ci sia il sole, verrete protetti da una miriade di ombrelli colorati!

  • DUBLINO E IL ST. PATRICK’S DAY

    Mar 7, 14 • PolePole • celebrando, Europa, gustando, Irlanda, itinerandoNo CommentsRead More »

    Pronti per i grandi festeggiamenti? Tra poco più di una settimana si celebra la festa di St.Patrick, patrono d’Irlanda e aggiungo io…degli amanti della birra Guinness. Strano ma vero, lo sapevate che in realtà le prime celebrazioni del 17 marzo hanno avuto luogo in Inghilterra e negli Stati Uniti? Se avete modo di partire per Dublino proprio in occasione di St. Paddy, come viene chiamata amorevolmente dagli irlandesi, vi ritroverete immersi in un vortice di musica, eventi culturali, parate e soprattutto fiumi di birra…avvolti da un’atmosfera sui toni del verde. Dato che non può mancare anche una visita della città, tagliata in due dal fiume Liffey, vi consigliamo di cominciare con il Trinity College, per ammirare l’università e l’interessante biblioteca che custodisce antichi manoscritti tra cui il famoso Book of Kells. Passeggiando per Grafton Street, raggiungete i giardini di St. Stephen Green per un po’ di sano relax all’aria aperta. Sempre a piedi arrivate fino alla St. Patrick Cathedral e alla Christ Church Cathedral, per poi finire con il Dublin Castle! In serata non potete perdervi una cena in un ristorantino dell’animato Temple Bar e una pinta al pub. Sempre per gli amanti della birra, dato che vi trovate a casa della nota Guinness, sarà molto interessate una visita allo stabilimento della nota stout, dove poter comprenderne le fasi produttive e terminare con una degustazione al Gravity Bar, situato al

  • A CHICHICASTENANGO PER LA FIESTA DE SANTO TOMÁS

    Chichicastenango, il cui nome sembra uno scioglilingua, è una cittadina del Guatemala che è famosa in tutto il Mondo per il suo coloratissimo mercato indigeno. Qui, il giovedì e la domenica, gli abitanti scendono dai villaggi più remoti della Cordillera per vendere i propri manufatti, in un vero e proprio tripudio di colori. Chichicastenango però non viene ricordata solo per il suo caratteristico e unico bazaar, ma anche per la spettacolare Fiesta de Santo Tomás che si tiene ogni anno dal 13 al 21 dicembre in onore del patrono. Per una settimana la città è percorsa da sfilate in abiti tradizionali, danze, fuochi d’artificio e processioni religiose che mescolano le antiche tradizioni Maya con la spiritualità cattolica, in un sincretismo davvero singolare. Il culmine si raggiunge il 21 dicembre, giorno di S.Tommaso, quando nella piazza di fronte alla chiesa di S. Tomás ha luogo la manifestazione del Palo Volador. Secondo questa antica usanza, che ha radici pre-ispaniche, viene issato un palo alto circa 30 metri che è poi scalato da due coppie di acrobati. Questi ultimi, legati ad esso con delle corde, si librano poi nell’aria effettuando giri sempre più veloci. Il tutto accompagnati dalla musica e dagli applausi del pubblico estasiato. Dato che dicembre è la stagione ideale per visitare il Guatemala, perché non pensare di trascorrere le proprie vacanze natalizie alla scoperta di questa fantastica Terra? Oltre a

  • THAILANDIA IN FESTA

    Ott 2, 13 • Shanti • celebrando, culturando, ThailandiaNo CommentsRead More »

    Se siete in partenza per la Thailandia, ovvero la Terra del Sorriso, considerate che fra metà novembre e gli inizi di dicembre vi troverete nel bel mezzo di numerose feste. La più spettacolare di tutte è la festa delle luci (Loi Krathong) che quest’anno avrà luogo il 17 novembre, il primo giorno di luna piena di questo mese. Questa festività, che celebra le venuta del Buddha sulla terra, ma anche rende omaggio alle dea delle acque, vede tutti i fiumi del Paese illuminarsi da centinaia di migliaia di barchette galleggianti, contenenti una candela e dell’incenso. Queste ultime, chiamate krathong, vengono costruite utilizzando materiali semplici e hanno svariate forme raffiguranti un fiore di loto, un cigno, una pagoda  e molto altro. Allo stesso tempo vengono anche liberate nell’aria delle lanterne che creano un vero e proprio tripudio di luci. Il Loi Krathong raggiunge il suo massimo splendore a Chiang Mai, nel Nord della Thailandia, oppure fra le rovine della città imperiale di Sukhothai. Durante il terzo fine settimana di Novembre, per gli amanti degli animali, non bisogna perdere invece il raduno degli elefanti a Surin, situata a nord-est del Paese. Viene qui celebrata l’abilità di questi pachidermi che ricoprono un ruolo fondamentale nella vita degli abitanti locali. Oltre 300 elefanti giungono a Surin dove sfilano per le strade della città e addirittura dimostrano di essere in grado di dipingere e giocare

  • San Juan e i cavalli minorchini

    Mag 14, 13 • PolePole • celebrando, SpagnaNo CommentsRead More »

    Dopo aver girato in lungo e in largo la meravigliosa Minorca alla ricerca delle spiagge più sperdute dell’isola, i cui colori vanno dalle sfumature del bianco borotalco, all’ocra fino al rosso, mi sono imbattuta nella particolare festa di San Juan a Ciutadella, a nord dell’isola, che si tiene ogni anno a giugno. Cavalli adornati a festa si esibiscono in acrobazie e danze guidati dai propri fantini a ritmo della minorchina jota. La folla in delirio esulta al contatto con i cavalli. La città è completamente in festa e il tutto è accompagnato da balli e degustazione di piatti locali. Questa festa, risalente al medioevo, oltre ad avere un carattere ludico mostra la sua origine religiosa. Infatti ricorda i pellegrinaggi che i cardatori di lana facevano al santuario di “San Juan de Missa” per onorare il proprio patrono. Quindi se venite a Minorca non perdetevi l’opportunità di partecipare a questa tradizionale e folcloristica festa

  • Festa degli spruzzi d’acqua

    Mag 12, 13 • Shanti • Asia, celebrando, CinaNo CommentsRead More »
    festa spruzzi

    Chi l’avrebbe mai detto che un bel gavettone portasse fortuna? Così viene creduto dall’etnia Dai che a Xishuangbanna, nella provincia cinese dello Yunnan, festeggia la festa degli Spruzzi d’Acqua. Essa si tiene in occasione delle celebrazioni del Capodanno della minoranza Dai, intorno alla metà di aprile, in questa zona della Cina meridionale al confine con Laos e Thailandia. La baldoria dura ben tre giorni: si passa da una gara delle barche a forma di drago lungo il fiume Lancang; alle sfilate per le strade della città; oppure alla creazione di sculture di sabbia da parte di artisti locali. Al termine della seconda giornata vengono inoltre liberate delle lanterne sul fiume, per allontanare la cattiva sorte dell’anno vecchio. Il clou però si scatena al terzo giorno quando le strade vengono praticamente invase da persone armate di secchi, gavettoni e pistole ad acqua per scatenarsi in questa festa. Il motto è: più si torna a casa fradici e più si avrà fortuna nell’anno nuovo!

  • Aste Nagusia

    Mag 8, 13 • Shanti • celebrando, itinerando, SpagnaNo CommentsRead More »
    Bilbao

    L’estate scorsa mi sono dedicata ad un bel giro della Spagna del Nord…tappe principali: Bilbao, San Sebastian, Santander, Oviedo, Leon, Burgos e di nuovo Bilbao, dove abbiamo terminato in bellezza con la sua Semana Granda (Aste Nagusia). I Paesi Baschi, nel mese di agosto, vengono praticamente travolti da giorni e notti di festeggiamenti che cominciano da Victoria, passando a San Sebastian e poi a Bilbao. Si sa, quando c’è da divertirsi gli spagnoli non si tirano mai indietro! Il giorno prima della partenza decidiamo di farci una passeggiata lungo la costa: una volta raggiunta la cittadina di Portugalete, con il Puente colgante di Viscaya, raggiungiamo a piedi Getxo accompagnate dal vento dell’Oceano. Proprio qui ci imbattiamo in una festa tipica, che ha luogo direttamente sulla spiaggia. In un’insenatura infatti viene liberato…ta ta ta tan…niente meno che un toro!! Durante questo simpatico gioco, che vede lo schierarsi di vari rioni, la persona più agile deve distrarre il toro mentre gli altri partecipanti devono arrampicarsi l’uno sull’altro per raggiungere una sorta di “albero della cuccagna”. Questo è stato solo l’inizio perché la festa è andata avanti senza sosta per un paio di giorni. Che dire allora Aste Nagusia a tutti!!!

un blog per raccontare un mondo di curiosità tra popoli, culture e paesaggi, dedicato a chi ama viaggiare.

↓ More ↓